Facebook  Youtube 

Un Paese a Sei Corde

c/o La Finestra sul Lago Associazione Culturale

lafinestrasullago(at)libero.it

Tel. +39 0322 96333


Alberto Caltanella - Luca Francioso - Giovanni Ferro

05/08/2017

Turismo emozionale in musica

SOUNDMAP
ALBERTO CALTANELLA - LUCA FRANCIOSO - GIOVANNI FERRO
Sacro Monte di Orta S. Giulio - 5 agosto 2017

L’idea è venuta a Dario Fornara, curatore della sezione acustica de UN PAESE A 6 CORDE, che di tanto in tanto si è rifugiato a suonare quassù, prima attirato dalla bellezza e dalla pace di questo luogo, poi intrigato dalle sue sonorità inaspettate. E gli organizzatori del nostro festival non hanno lasciato che questo suggerimento cadesse nel vuoto, dando vita ad una tappa della rassegna davvero originale che ha visto una grande partecipazione di pubblico. Nonostante il caldo torrido che arroventava il tardo pomeriggio agostano, in molti sono saliti al Sacro Monte di Orta S. Giulio (patrimonio UNESCO) a trascorrere un paio d’ore in serena beatitudine. Divisi in tre gruppi, ognuno affidato ad una guida accreditata, gli spettatori hanno potuto godere della bellezza di questo luogo meraviglioso dedicato a S. Francesco soffermandosi davanti a tre cappelle in particolare, completamente diverse tra di loro nella struttura, dove li attendevano la dolcezza del fingerpicking di Luca Francioso, la brillantezza del plettro di Alberto Caltanella e il romanticismo intenso di Giovanni Ferro che, dopo la dettagliata descrizione storico-architettonica della guida, erano pronti a far ascoltare la magia delle loro chitarre. Nessuna amplificazione elettronica per loro, ma soltanto la splendida architettura sonora a spandere nell’aria la musica, oggi come nel diciassettesimo secolo.
Seduto nel centro preciso della Cappella I, Giovanni Ferro ha accompagnato le spiegazioni della guida con le meravigliose note di Fratello Sole Sorella Luna di Riz Ortolani, prima di regalare uno splendido set di brani in cui omaggi a Luigi Tenco, Guccini, con una Canzone Quasi d’Amore cantata a sorpresa da Giovanni, e una Manhã do Carnaval emozionante, si sono mescolati a sue composizioni straordinarie. La sua tecnica originale e il suo romantico raccoglimento hanno catturato i presenti, novelli pellegrini in questo percorso mistico e musicale. Circondandolo all’interno della cappella, hanno vissuto un’esperienza acustica nuova e originale in un silenzio rotto soltanto dagli applausi entusiasti.
Luca Francioso, sotto il porticato raccolto della Cappella VI, si è lasciato ispirare dal misticismo e dalla bellezza del posto nella scelta dei brani, tutti di sua composizione, che ha condiviso col suo pubblico itinerante, che lo ascoltava in un silenzio ammirato e stupito dalla sonorità che questa piccola cappella riusciva a regalare alle canzoni senza parole di Luca. Il Cielo che Attende, Speranza, L’Albero nel Vento, sono solo alcuni dei titoli con cui ha incantato i presenti. Arricchendo la sua performance con le storie racchiuse nei suoi pezzi e di ciò che le legava a questo luogo, ha trasformato questa esperienza in un piccolo percorso culturale.
Incorniciato dal barocco della Cappella XIII e alternando due chitarre differenti nella voce, Alberto Caltanella è riuscito a giocare con la sua musica facendo apprezzare la straordinaria acustica che qualche passo verso l’interno bastava ad amplificare. Niente di più adatto, quindi, di Sì Dolce è il Tormento, di Monteverdi, per cominciare un set pensato per far sentire tutta la purezza del suono del legno, sempre vivo, della chitarra. Così come sembrava composto proprio per questa giornata la nuova The Lake, prima di scatenarsi col bluegrass o nell’allegria irriverente di Rosamunda. La sua scelta di far ascoltare brani di generi così diversi, hanno consentito ai presenti di godere sia della sua tecnica impeccabile, che di comprendere il genio costruttivo di chi ha realizzato questa cappella.
Tutto il pubblico, riunitosi alla fine al termine del percorso, un po’ accaldato ma soddisfatto, ha dimostrato di aver apprezzato pienamente questa originale iniziativa de UN PAESE A 6 CORDE con un entusiasmo che ha premiato tutti, organizzatori e musicisti. Ci hanno messo tutto il cuore. E il cuore ha sempre ragione.

Patrizia & Mauro Gattoni


 





Un Paese a Sei Corde
P. Iva 01846330031