Facebook  Youtube 

Un Paese a Sei Corde

c/o La Finestra sul Lago Associazione Culturale

lafinestrasullago(at)libero.it

Tel. +39 0322 96333


Trevor Gordon Hall

19/08/2017

Incontri straordinari dall'altra parte dell'oceano

TREVOR GORDON HALL
Pettenasco - 19 agosto 2017

Ritrovare Trevor Gordon Hall dopo due anni dal concerto tenuto a Cressa, è stato emozionante. E scoprire che è arrivato solo ieri da Philadelphia apposta per suonare a UN PAESE A SEI CORDE, ci ha riempiti di orgoglio. Comprensibile, dunque, la commozione di Lidia nel presentarlo al suo ingresso nel cortile della Casa Medioevale, abbracciato alla sua “Kalimbatar”. Uno strumento unico, un ibrido nato dall’unione di una chitarra con una kalimba, che ha incuriosito il numeroso pubblico, incurante dell’improvvisa frescura di questa serata di mezza estate. Una musica eterea e sognante per aprire la serata ed eccoci subito proiettati nel mondo magico di questo strano strumento con le note di Pine Trees. Deliziosa poi la sua versione di I Will, dei Beatles, quasi un piccolo carillon. Peccato che il suo Italiano si fermasse solo a “ciao...focaccia...risotto...”, ma questo non gli ha impedito di chiacchierare amabilmente con i presenti. E raccontare le sue riflessioni sull’amore e sul matrimonio, che hanno fatto nascere A Severe Mercy, dolcissimo pezzo dedicato alla moglie. Ma il suo folle strumento fremeva per dare il meglio di se, e allora ecco Kalimbatar, un pieno di allegria e di suoni originali e ben amalgamati che ha scatenato gli applausi del pubblico. E ancora altri pezzi dalle melodie incantevoli. Delicate colonne sonore di un sogno che hanno riempito l’aria di una magia surreale in cui mani, corde, lamelle, elettronica e percussioni si intrecciavano in un gioco perfetto. Il pubblico infreddolito ascoltava attento e divertito, conquistato da questo giovane chitarrista americano. E, naturalmente, nessuno ha voluto rinunciare a chiedere un bis che Trevor ha generosamente concesso, regalandoci una sua versione assolutamente originale di Come Together, dei Beatles, che ha preso vita poco a poco con l’aiuto della loop station. Un successo grandioso che ha preteso un secondo bis, stavolta affidato alla delicatezza di Almost Spring. Stavolta era proprio finito e non ci restava che salutare questo musicista così semplice e così straordinario da inventarsi uno strumento nuovo per esprimere la sua musica. Così audace da fare un salto a suonare in Italia e tornare a casa subito dopo, dall’altra parte del mondo. Solo per noi.

Patrizia & Mauro Gattoni


 





Un Paese a Sei Corde
P. Iva 01846330031